Articoli marcati con tag ‘3 febbraio 2012’

Venerdì 3 febbraio il nostro viaggio tra le Tradizioni Culinarie incontra la “Zuppa di Ceci e Castagne”. Abbiamo voglia di stuzzicare il tuo palato e lo faremo anche in occasione di “In Bocca al libro”, un appuntamento culturale che vede un autore intervistato da un critico letterario e non solo.
Ma parliamo della zuppa di ceci e castagne. Tipicamente autunnale, un piatto “povero”, le cui origini si perdono in un passato piuttosto antico…di carbonai e boscaioli, risalendo indietro nel tempo, anche fino al ’700 … in tutte quelle zone dell’Appennino ricche di boschi di castagni.

Per le popolazioni montane spesso la produzione del carbone rappresentava l’unica possibilità di sostentamento famigliare, con l’allevamento degli animali e una stentata agricoltura. Vivere il bosco significava anche approvvigionarsi dei suoi frutti…e la castagna ne era sicuramente l’emblema.
Un piatto caldo e sostanzioso come questa zuppa ben si confaceva alla rigidità del clima montano e all’esigenza di cibi sostanziosi.
L’Abruzzo nello specifico è una terra ricca di lavoro e di passione, di storia e di ideali. La tradizione culinaria abruzzese è molto variegata e molto legata alla sua conformazione geografica. Ecco quindi che nelle zone di mare le zuppe di pesce e la materia ittica la fanno da padrona, con la loro freschezza e la loro originalità.  Se invece ci avviciniamo alla catena montuosa appenninica ed al Gran Sasso, possiamo subito notare come le tradizioni dei contadini e degli allevatori  che solevano sfamarsi con i frutti della terra e della propria transumanza, siano ancora vive nella cucina. Questa regione mantiene intatte le sue tradizioni gastronomiche. Pastorizia ed agricoltura sono attività ancora ben sviluppate e la gastronomia propone gusti forti e genuini, la cucina è robusta nei sapori. La ricetta di oggi è quella della zuppa a base di ceci e castagne. Ingredienti poveri dunque, ma al contempo gustosi, che mixati nelle più astruse combinazioni, sono in grado di stuzzicare il palato come pochi piatti al mondo.
Un appuntamento da non perdere.
E’ consigliata la prenotazione. Vi aspettiamo

Sarà “VISITA DI STATO”, di Alfredo Annichiarico, il 3 febbraio alle ore 21,00 in “In Bocca al libro” a proseguire questo nuovo appuntamento culturale al Joy’s. A dialogare con l’autore, Michele Marolla, capo cronaca de “La Gazzetta del Mezzogiorno”.

Intorno all’indagine su due oscure morti, l’autore ricostruisce efficacemente il clima di opportunismo e di corrotta spregiudicatezza in cui il regime fascista si appresta ad accogliere Hitler in visita di stato.   Il commissario Ferrari, tormentata figura centrale del romanzo, finisce col diventare l’emblema stesso della Verità e della sorte alla quale essa è destinata. La sua ostinazione “etica” si scontra infatti con le trame di un potere che difende a spada tratta il proprio prestigio ed è disponibile a farlo ricorrendo ai mezzi più crudeli. L’amara conclusione di questa storia, movimentata da continui colpi di scena, non vieta di goderne le mille sfaccettature di ambienti, di varia umanità, di suggestioni poetiche.

ALFREDO ANNICHIARICO. Nato a Foggia nel 1964, vive e opera nel Salento da sempre. Consulente aziendale, specializzato nel settore della formazione, dal 1992 al 1994 ha collaborato con il Corriere del Giorno di Taranto. Nel 1994, con il lavoro “Tondelli, minimalista per caso”, è stato ospite di alcuni centri sociali pugliesi. Il suo primo romanzo “Le circostanze dell’amore e la loro disciplina” è stato pubblicato presso Orizzonte Perfetto editore indipendente.

“IN BOCCA AL LIBRO” è il nuovo appuntamento culturale proposto dal Joy’s Pub di Bari, che vedrà ospitare ogni giovedì sera scrittori provenienti da tutta la regione; incontri cordiali e informali tra scrittori e giornalisti, che coinvolgeranno gli amici frequentatori o semplici curiosi. Per ogni occasione il Joy’s proporrà anche una degustazione, a tema con la serata, che farà da cornice ad ogni libro presentato.

 

This site is protected by WP-CopyRightPro