Articoli marcati con tag ‘beer’

Il suo nome è San Patrizio, ma pochi sanno che questo è il nome del Santo Patrono di Irlanda per il quale, Stampa ormai da secoli, si festeggia una giornata mondiale a lui dedicata: il St Patrick’s Day. E’ celebrato in tutto il mondo: USA, Canada, Australia, Francia, Argentina, l’isola caraibica Montserrat, Russia, Giappone. Tutte le comunità irlandesi nel mondo festeggiano questo appuntamento di integrazione e socializzazione  e come ogni anno, nel quartiere Madonnella di Bari, fervono i preparativi per un weekend all’insegna della socializzazione e del buon vivere .

E dunque il 17 marzo si festeggia il ST. PATRICK’S DAY ed il Joy’s Pub, la piccola comunità nel suo stile tipicamente Irish e come tutti i pub irlandesi che si rispettano nel mondo, a partire dal 14 marzo ha programmato una serie di appuntamenti che vi coinvolgeranno fino al 17 marzo. Musica, danze, ballate, costumi e maschere a tema con gadget e premi a suon di birra saranno i motivi per non perdere l’occasione di divertirsi e stare insieme all’insegna dello spirito di condivisione e amicizia che si vive in Irlanda. Tutti gli amici di sempre ed i nuovi approfitteranno dell’occasione per ritrovarsi e vivere in questo periodo dell’anno un momento di sano svago.

Guarda il video

Ecco il programma degli appuntamenti e degli eventi organizzati al Joy’s Pub.

social-sp19_cover-fb-solo17 CELEBRATION

#stpatrickinjoys

Dal 1 al 17 marzobanner_20190314_improshakespeare_2

GIVEAWAY – Concorso online a premi sulla pagina Facebook del Joy’s Pub. Premiazione sabato 16 marzo alle ore 22,00

Giovedì 14 marzo,  ore 21,00

SHAKESPEARE in BEER – Improvvisazione teatrale semiseria su San Patrizio organizzata in collaborazione con l’associazione teatrale Gli Improvabili. Partecipa alla festa indossando abiti colorati a tema e ti divertirai un mondo di più.

doppio-senso Venerdì 15 marzo, ore 21,30

DOPPIO SENSO - Live music acoustic rock  - Rosario Le Piane e Claudia De Palo ci racconteranno della musica rock in una vision musicale da Janis Joplin a Tracy Chapmann, Could Play, The Cramberries, Anouk, Nirvana e tanti altri ancora.

Sabato 16 marzo,

ore 13,30 – RUGBY SIX NATIONS: ITALIA FRANCIA. Apertura straordinaria a pranzo  e a seguire tutti gli incontri di Rugby dell’ultima giornata del SIX NATIONS 2019

ore 22,00 – GIVEAWAY – Le estrazioni dei premi in palio per il concorso online sulla pagina del Joy’s Pub

ore 24,00 – FIACCOLATA INAUGURALE  sul piazzale antistante il locale L.go Mons. Curi

Domenica 17 marzo                          gallo

ST. PATRICK’S DAY

dalle ore 17,30 – La grande festa della comunità Irlandese di Bari al Joy’s Pub. Musica, danze, ballate, birra, gadget e amici per condividere un momento di sana convivialità in compagnia della musica dei THE VINYL CIRCUS DJ, che come un vero e proprio circo vinilico itinerante ci faranno godere di un mix di sonorità provenienti da tutto il mondo.

Poi l’unica cosa che vi rimane da fare è …prendetevi un giorno di ferie lunedì 18 marzo perchè ne avrete bisogno !!!!!

Happy St. Patrick’s to everyone at Joy’s Pub !

 

Biografia del St. Patrick’s Day (www.irlandando.it) 

Sembrerà strano ma l’evento principale del calendario irlandese non nasce in Irlanda, ma vede i primi festeggiamenti a Londra e in America.
Per cominciare, la più remota testimonianza di un St. Patrick’s Day, celebrato fuori dall’Irlanda, è fornita daJonathan Swift, l’autore dublinese de Iviaggi di Gulliver.
Nel suo Diario a Stella lui annotava che nel 1713 il Parlamento di Westminster era chiuso perché era St. Patrick’s Day e che Londra era talmente piena di decorazioni da pensare che tutto il mondo fosse irlandese.
Approdando in America, invece, il primo incontro di irlandesi in onore di S. Patrizio risale al 17 marzo 1737 a Boston. Nonostante oggi la festa di San Patrizio sia strettamente legata ai cattolici, è bene precisare che allora i protagonisti dei primi festeggiamenti furono dei Protestanti irlandesi emigrati in America e che, nella maggior parte dei casi, i cattolici erano rigorosamente esclusi. Solo più tardi, tra il XIX e il XX secolo, i cattolici si unirono alle celebrazioni del St Patrick’s Day.

Gli irlandesi hanno rivestito un ruolo fondamentale nella storia americana. Durante la Guerra dei Sette Anni combatterono addirittura sia sul fronte inglese che su quello francese. Nel 1757 le truppe inglesi accampate a Fort Henry furono attaccate il giorno di S. Patrizio dalle truppe francesi. Il contingente francese era composto soprattutto da irlandesi. Questi pensarono che gli irlandesi nell’esercito inglese sarebbero stati i più deboli, vista la giornata di festa. Non considerarono, però, la furbizia del capitano irlandese, John Stark, il quale aveva dato ai soldati irlandesi una dose in più di liquore per festeggiare il St. Patrick’s Day!
I francesi furono così sconfitti! san_patrizio

La prima parata in onore di S. Patrizio si tenne a New York nel 1762: un gruppo di soldati irlandesi si stavano dirigendo a festeggiare il St. Patrick’s Day in una taverna, quando decisero di marciare dietro la loro banda e mostrare i loro stendardi reggimentali. Lo spettacolo deliziò a tal punto passanti e spettatori che da allora il 17 marzo vide sempre gli irlandesi d’America marciare a ritmo di melodie tradizionali irlandesi.

Anche durante la Guerra d’Indipendenza Americana furono portate avanti le celebrazioni del 17 marzo.
Il 17 marzo 1776 i Britannici liberarono la città di Boston e George Washington invitò i ribelli americani a prendere possesso della città, mentre nel 1778 l’esercito di Washington celebrò il St Patrick’s Day presso la Valley Forge.

Nel XIX secolo, durante la Grande Carestia che colpì l’Irlanda, milioni di irlandesi emigrarono in America per sopravvivenza e la mancanza di casa si trasformò presto in nostalgia. Perciò il St Patrick’s Day sembrò l’occasione perfetta per unirsi e celebrare la propria nazionalità. L’esempio militare aveva mostrato l’efficacia di marciare dietro a una banda al ritmo di ballate irlandesi, quindi nacque l’usanza di metter su una parata tinta di verde per alimentare lo spirito patriottico.

Nel XX secolo le nuove generazioni di irlandesi d’America sono ormai parte integrante della società americana e festeggiare il St Patricks’ Day non serve solo a vantare le propri origini, ma anche a celebrare l’integrazione di successo nella società ospite.

 

 

#stpatrick #stpatrickweekend #guinness #guinness #guinnesspub #beer #beerandfriends #beerparty #irishparty #irishpub #irish #greenparty #greenday #goodfriends #pub #joyspub #stpatrickinjoys #irishpubbari #stpatrickbari #stpatrickitaly #sanpatrizio #sanpatrizio2019 #birra #17marzo2019 #giveaway #vinyl #djset #leprechaun #gadgets #maschere

 

A vent’anni dalla scomparsa di Fabrizio De Andrè, bisogna partire da un presupposto fondamentale: per cantare De Andrè ci vorrebbe Faber. se-ti-tagiassero-a-pezzetti-fabrizio-de-andre

Premesso ciò, l’idea di fare una serata tributo, una cronistoria della musica e della vita di Faber, attraverso le sue canzoni, quelle dei suoi amici e anche dei suoi meno amici, era un’occasione che William Volpicella, attore, stimolato dal Deus Ex Machina del Joy’s pub Marco Protano, non voleva farsi sfuggire. “SE ti tagliassero a pezzetti è la citazione dovuta, utilizzata come titolo dell’evento, e perfetta per descrivere i tasselli della musica di Faber che saranno ricomposti. Quindi non vi aspettate un cantante, ma aspettatevi di cantare mentre, umilmente e col rispetto che si deve a De Andrè, un Chisciottesco attore e il suo inseparabile Sancho (Rosario Le Piane) viaggeranno assieme a voi tra le parole e le note di alcune delle più belle canzoni scritte nell’ultimo secolo dal paroliere genovese.

Ci vediamo l’11 gennaio 2019, al Joy’s Pub.

Ingresso libero

Start ore 21:00

Il Joy’s Pub di Bari (c.so Sonnino, 118/d) ha organizzato per i giorni 25, 26, 27 novembre 2014 (martedì, mercoledì, giovedì) il primo MASTER BEER dedicato alla conoscenza della Guinness e non solo (Harp, Kilkenny, Tennents Super). Lo stage, della durata di circa mezz’ora, è destinato a tutti coloro che hanno il desiderio di imparare le nozioni base per la conoscenza della birra e la tecnica per spillarla al meglio. Unico requisito: essere maggiorenni. LOGO MASTER BEER-01

Lo stage si terrà a partire dalle ore 21,30 circa. E’ assolutamente gratuito.

Per ogni serata saranno ammessi MAX 15 PARTECIPANTI

Tutti riceveranno materiale illustrativo ed un gadget in ricordo con su impresso il proprio nome che andrà ad attestare la partecipazione allo stage.

Per partecipare ad una delle serate è necessario:

- scegliere il giorno di partecipazione (solo uno);

- scaricare la scheda di adesione che trovate in coda a questo articolo ed inviarla a info@joyspub.com entro e non oltre il 23 novembre 2014.

E poi invita i tuoi amici perchè potranno godere del TICKET BEER € 10,00 PAGHI 2 BEVI 3

Com’è fatta una birra? Perchè quel colore, quel sapore, quella schiuma?” Molto spesso capita che amici frequentatori, amanti o meno della birra, ci pongano delle domande. A volte abbiamo il tempo materiale per soddisfare la loro voglia di sapere, altre volte siamo troppo presi dal nostro lavoro per poterlo fare in maniera esaustiva. Alcuni, per timidezza, queste domande non ce le pone nemmeno. Ma è anche a loro che abbiamo il desiderio di rispondere, per condividere questa nostra grande passione. E’ da questa esigenza comune a molti frequentatori di locali che è nata l’idea di soddisfare il desiderio di sapere, dando una base di conoscenza su quello che si beve ed insegnare, ai più appassionati, come va spillata una birra. Il Joy’s Pub, come è risaputo, è un posto dove il consumo di Guinness è elevato a Bari: per questo motivo vogliamo dare a chi è desideroso di sapere una piacevole opportunità.

 

Ed ora SCARICA QUI  adesione master beer  , COMPILA ed INVIA a info@joyspub.com e partecipa anche tu !

Il progetto IL GIOCO DELL’ARTE, giunto alla sua 5^ edizione, è ormai un appuntamento richiesto ed atteso dalle famiglie del quartiere Madonella di Bari e non solo.
Le parole all’ordine del giorno saranno accoglienza, aggregazione, famiglia, gioco, ma soprattutto arte e creatività. Il Gioco dell'Arte
Nei 14 appuntamenti che inizieranno ufficialmente sabato 25 ottobre dalle ore 20,00 alle 21,30,  i bambini realizzeranno una collana personalizzata di libri. Libri di ogni forma e colore, libri parlanti e libri muti, illustrati ecc. Insieme a Valentina Calvani educatrice esperta di laboratori esperienziali, potranno ogni due settimane incontrarsi e confrontarsi.

Curiosi di sapere? Allora domenica 19 ottobre 2014 alle 18.00 vi aspettiamo all’aperAttivo.

Ci incontriamo al Joy’s Pub di Bari (c.so Sonnino, 118/d) per chiacchierare su questa nuova avventura e nell’occasione riceverete il programma stampato di tutti gli appuntamenti. Per creare una calda accoglienza il Joy’s offrirà a tutte le famiglie che vorranno partecipare un aperitivo organizzato per i più piccoli. Portate i piccolini che iniziamo a scaldarci.

Valentina Calvani è esperta in didattica dell’arte. E’ stata vincitrice del concorso pubblico “Principi attivi 2012 giovani idee per una Puglia migliore” con il progetto  LibroLabInMovimento. Dal 2010 collabora con il Joy’s Pub conducendo il laboratorio sperimentale Il gioco dell’arte giunto alla sua V edizione.

 

This site is protected by WP-CopyRightPro