Diario di bordo del 4 febbraio 2014 di Luciana MancoTerza serata di selezioni, tre concorrenti in gara. Nonostante mancasse il quarto artista in scaletta, che doveva sostenere un esame universitario, è stata una delle serate più intense. I concorrenti, infatti, hanno dimostrato personalità molto diverse e un livello qualitativo simile, decisamente alto. Il primo ad esibirsi è stato Nunzio Mastrangelo, con Promises Promises degli Incubus e Amore disperato di Nada. La prima cosa che ha colpito la commissione ed il pubblico è stata sicuramente la sua capacità tecnica, direi impeccabile. La sua disinvolutura sul palco, la sua voce limpida, potente, così chiara da risultare quasi equalizzata. Un inizio che ha lasciato tutti a bocca aperta. E’ stato poi il turno di Carlo Boccuzzi, carlo boccuzzi che ha interpretato Dio, come ti amo di Domenica Modugno e Ode to my family dei Cranberries. Non saprei definire la presenza scenica di Carlo. Mi verrebbe da dire “teatrale”, ma può avere un’accezione negativa che io non voglio dare. Preferisco invece dire “libera”, non controllata, consapevole solo in parte. Per questo molto intensa, magnetica. La sua voce è calda, graffiata, sibilata. Un timbro raro, riconoscibile. Mi sono chiesta: quanto il brano di Modugno si può definire “da pub”? Lo stesso brano di Nada, del concorrente precedente, può essere adatto all’ambiente del pub? E’ certamente un rischio che si corre, scegliere di interpretare brani di questo tipo e provare ad attirare l’attenzione dei clienti. Forse non tutti possono raggiungere l’obiettivo. Forse conviene scegliere brani più “sicuri”. Oppure osare e rendere “da pub” brani che non lo sono. Questo certamente fa la differenza tra un artista e un semplice interprete, un esecutore.

La terza concorrente in gara, Stefania Guardavaccaro, ha cantato Sweet Dreams (Are Made of This) degli Eurythmics e Body and soul di Tony Bennett, dimostrando una presenza scenica brillante ed una bellissima voce. Avrei curato di più la pronuncia in inglese ed il controllo vocale. Ma la spigliatezza e l’immedesimazioni nei brani hanno certamente coinvolto tutti.
Al termine di questa prima fase della serata sono stati proiettati i video dei tre concorrenti che la settimana scorsa sono andati alle votazioni del pubblico: Alessandro Montelli, Alessandra De Carlo e Edoardo Partipilo, vedendo la vittoria di Alessandra De Carlo con più di 700 voti complessivi.
Nella seconda fase della gara Nunzio ha presentato Madness dei Muse e Back from Cali di Slash e Myles Kennedy, riconfermando, specie nell’ultimo brano, la sua tecnica eccellente. Alla domanda della commissione sui suoi studi, è stata una sorpresa apprendere che Nunzio ha studiato solo per sei mesi in una scuola e che continua a studiare da solo, regolarmente. Evidentemente di base c’è un talento naturale importante.
Carlo è ritornato sul palco con due brani diversissimi tra loro: Feeling Better di Malika Ayane, nel quale la sua vena ironica e divertente è venuta fuori al meglio, coinvolgendo il pubblico, lasciandosi andare, sentendosi davvero bene, come dice la stessa canzone, e Something in the way dei Nirvana. Non è un mistero che io personalmente ho un amore spropositato per i Nirvana da ormai 20 anni, per cui ho sempre il terrore quando qualcuno interpreta un loro brano. Devo dire che io ho molto apprezzato l’interpretazione di Carlo. Ha rispettato il brano, sentiva il testo e questo si capiva. Sapeva cosa stava dicendo, e ha scelto di dirlo a modo suo. Il pubblico era particolarmente attento, ed è rimasto concentrato anche per l’esibizione di Stefania, con Because the night di Bruce Springsteen, cantata da Patti Smith, e Io vivrò (senza te) di Lucio Battisti. Specie su quest’ultimo brano Stefania ha dato il meglio di sè. Il pubblico ha espresso tutto il suo coinvolgimento in un applauso spontaneo durante l’interpretazione. Davvero uno dei momenti più belli della serata.
La commissione si è così riunita per conteggiare i risultati delle schede tecniche, e per pochi voti ha vinto la selezione di ieri Carlo Boccuzzi.
Nunzio Mastrangelo e Stefania Guardavaccaro si confronteranno ora con la giuria popolare. La prossima settimana sapremo chi dei sue passerà di diritto alla fase successiva.
Vorrei chiudere questa mia sintesi della serata rinnovando i complimenti al pubblico di ieri, molto rispettoso e attento, e al Maestro Rosario Le Piane, per la sua incredibile capacità di rendere tutto così alto e intenso.
Ora ascoltate e votate! :) A martedì prossimo.
Luciana

Per votare il tuo artista preferito, devi cliccare sul suo nome che troverai a tendine su questa pagina. Una volta cliccato il nome, vedrai apparire la sua immagine ed una sua breve presentazione. Cliccando sull’immagine, si aprirà il canale Youtube sul quale potrai ascoltarlo e guardarlo. Sono validi solo i “MI PIACE” ricevuti dalla’artista sul sito (non su youtube). Avete tempo per votare fino a martedì 11 febbraio alle ore 12,00.  Buon ascolto

Un Commento a “3^ serata 4 febbraio”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

This site is protected by WP-CopyRightPro