Diario di bordo del 11 febbraio 2014 di Luciana Manco

Ed eccoci arrivati alla quarta serata di selezione, qui ad Una voce da pub, con altri quattro bravissimi concorrenti in gara: Pamela Chiarappa, Gianluca Ottolino,  Doriana Perricci e Serena Buongiorno.

Ad iniziare proprio Pamela, che canta Personal Jesus dei Depeche mode e King of pain dei Police. L’interpretazione dei brani è molto personale, ricercata. Pamela sul palco è serena, scioglie il ghiaccio prima di iniziare con la sua ironia, ma durante l’esecuzione è molto concentrata, dosa bene voce ed emozione, il pubblico la ascolta con altrettanta attenzione.

Dopo di lei si esibisce Gianluca Ottolino, con At Last di Etta James e Some kind of wonderful di Carole King. Non sono certa che la scelta di eseguire brani nati per voci femminili abbia aiutato Gianluca nella sua performance. Ho avuto l’impressione che la sua tecnica vocale non gli permettesse di raggiungere alcuni picchi e di tenere il controllo della voce.

E’ il turno di Doriana Perricci, con Black and gold di Sam Sparrow e Estate di Bruno Martino. I suoi studi jazz rendono la sua voce molto piacevole, delicata, forse, per il mio personalissimo gusto, un po’ troppo stridula sulle note alte, ma certamente è evidente che si ha a che fare con una professionista.

Si esibisce poi Serena Buongiorno, con Harvest di Neil Young e Don’t know why di Norah Jones, La voce di Serena emana una forte dolcezza e tenerezza, anche se risulta frenata, un po’ timorosa. Sul palco è timida, ma questo la rende ancora più aggraziata, è una caratteristica sua, che non disturba.

Finita questa prima fase, si passa alla proclamazione del vincitore del ballottaggio della scorsa settimana, che vedeva Nunzio Mastrangelo contro Stefania Guardavaccaro. A passare il turno è stato Nunzio, entrando quindi di diritto ai quarti di finale.

Ma la gara tra i quattro di questa sera continua, e continua alla grande con Pamela pamela chiarappa che personalizza la bellissima Io che amo solo te di Sergio Endrigo, sfumandola, in un mood raggae ska, con What a wonderful world di Louis Armstrong, che, onestamente, non era la prima volta nè sarà l’ultima, che sentivo questo accostamento, ma è stato comunque molto piacevole, una buona riuscita. Ultimo brano di Pamela, Stop crying your heart out degli Oasis, un brano molto bello interpretato con rispetto e consapevolezza.

Gianluca ritorna sul palco con You are so beautiful di Joe Cocker e Cambiare di Alex Baroni, che, per quanto sia un bel brano, molto intenso, non penso sia molto indicato per un pub. Credo che sia necessario fare più attenzione alla scelta dei brani. In un pub gli ascoltatori si aspettano qualcosa di diverso. A meno che non si giochi molto con la personalizzazione, brani come quello di Baroni risultano ostici e (ok, lo dico) banali.

Doriana Perricci canta in questa seconda fase Psycho killer dei Talking Heads, e qui la gente cantava con lei, divertendosi molto, e You’ve got a friend, di Carole  King, cantata da James Taylor. Anche qui Doriana si dimostra molto brava, più nelle note basse che in quelle alte, dove io continuo a sentire una certa acerbità.

Infine Serena Buongiorno, con Wild world di Cat Stevens e L’ultimo bacio di Carmen Consoli. Ancora la sensazione di voler finire presto e scappare dal palco. Serena non sembrava a suo agio, e la sua voce sembrava stanca.

In generale mi permetto di dire che tutti i quattro cantanti di questa sera sono stati particolarmente trattenuti. Nessuno si è lasciato veramente andare.

La commissione si è riunita per sommare i voti delle schede tecniche, e a passare il turno è stata Pamela Chiarappa, anche per questa sua voglia di divertirsi e di dare qualcosa in più al pubblico.
Pubblico che tra l’altro si dimostra sempre molto educato ed attento, e questa credo sia un’ottima risposta che un pubblico possa dare a chi si mette in gioco in un ambiente così intimo come quello del pub, in cui ci si esibisce in maniera così vicina agli ascoltatori da poterne sentire anche il respiro. Questo è quello che rende magico questo contest.
Un ringraziamento sempre più sentito va al Maestro  Rosario Le Piane, che non smetterà mai di stupirci con la sua abilità e professionalità.
Ora prendetevi un po’ di tempo per godere di queste belle voci e votate il vostro preferito tra i tre in ballottaggio. A martedì prossimo!Luciana

Se vuoi votare il tuo artista preferito, dovrai cliccare sul suo nome che troverai a tendine su questa pagina.

Una volta cliccato il nome, vedrai apparire la sua immagine ed una sua breve presentazione.

Cliccando sull’ immagine, si aprirà il canale Youtube sul quale potrai ascoltarlo e guardarlo.

Sono validi solo i “MI PIACE” ricevuti sul sito.

Avete tempo per votare fino a martedì 18 febbraio alle ore 12,00.  Buon ascolto

Un Commento a “4^ serata 11 febbraio”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

This site is protected by WP-CopyRightPro