Joy’s Shop Irish Pub è uno dei locali storici più ricercati delle serate baresi. Pub in perfetto stile irlandese, da sempre apprezzato per l’accoglienza e la qualità del servizio che lo rendono, nel vero senso dell’idioma anglosassone, una “public house”. Il Joy’s Pub infatti, è un luogo accogliente in cui famiglie, professionisti, studenti, impiegati giovani e meno giovani, dismettono i panni di una giornata routinaria, per trascorrere alcune ore di relax in un ambiente caldo e confortevole. È il ritrovo ideale per coloro che si vogliono avvicinare alla tradizione irlandese e sentirsene parte integrante. 

 

Vuoi vedere tutte le foto delle nostre serate? Clicca QUI

 


Dove l’amicizia cresce anche 
quando il mondo Capitombola

     logo radiosoundcity.net

 

Giovedì 24 aprile 2014 alle ore 21,45 presso il Joy’s Pub di Bari, la rassegna Live Music THE JOY’S RESIDENTS, presenta THE DOCTORS in concerto.  Per la prima volta “The Doctors” presentano le loro canzoni inedite. The Doctors Acoustic
Alex Spadavecchia (voice) e Rosario Le Piane (guitar and percussion) si conoscono per una casualità nel 2005 e decidono di suonare insieme mettendo su un repertorio di oltre 20 canzoni in una mezz’ora…c’è da subito un’intesa più unica che rara.
Inizia così un percorso di circa tre anni in cui i due vivono in simbiosi nella musica e iniziano a scrivere canzoni. In alcuni casi nascono canzoni dalla sera alla mattina nel vero senso della parola. Rosario registra un’armonia nel pomeriggio ed il giorno dopo Alex ha gia creato testo, melodia e registrato la voce. La canzone è pronta.
Il resto lo potrete vivere nel loro LIVE

Ingresso libero
Info 0805542854

 

Mercoledì 23 aprile Simone Bottalico presenterà il suo primo libro di poesie “Etereo” (Aletti Editore) al Joy’s Pub (C.so Sonnino 118/D – Bari – ore 21.00). Il giovane scrittore barese racconterà alcune poesie tratte dalla sua opera prima in un reading che sarà moderato dalla giornalista Roberta Ruggiero e accompagnato dalle note e dalla voce della cantautrice Luce Montrone. etereo

«“Etereo” è la rappresentazione di quello che sono l’amore e la vita – racconta Simone Bottalico – È un libro sofferto, colmo di lunghe ed intense ore di silenzio e di dolore straziante. Questo libro ed il suo titolo sono una commemorazione a mio fratello Nicola scomparso ormai 14 anni fa. È un libro nel quale racconto l’amore, quello vero, la disillusione dello stesso e la riconquista di questo ideale a me così caro. »

Simone Bottalico nasce a Bari il 15 gennaio 1989. È il secondo di cinque fratelli uno dei quali, Nicola, viene a mancare in circostanze tragiche che segnano per sempre la sua vita e quella della sua famiglia. Nel 2001 inizia il cammino nel seminario arcivescovile di Bari, cammino che ha un iter di 6 anni e che lo avvicina alla Chiesa. Dopo essersi diplomato al Liceo Classico Socrate di Bari, nel 2008 ha iniziato a frequentare la facoltà di giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bari abbandonandola poi quasi subito per esigenze lavorative, conservando sempre la sua passione per la penna. Nell’agosto del 2012 è rimasto vittima di un incidente stradale gravissimo che lo ha portato ad una lunga e dolorosa degenza ospedaliera, durante la quale ha avuto modo di relazionarsi con i problemi che quotidianamente vivono i diversamente abili. La lunga fase di riabilitazione lo ha portato a sedimentare la sua passione per la penna tramutando i momenti di riflessione in poesia.

Joy’s Shop Irish Pub è uno dei locali storici più ricercati delle serate baresi. È un pub in perfetto stile irlandese, da sempre apprezzato per l’accoglienza e la qualità del servizio che lo rendono una vera “public house”. È infatti un luogo accogliente in cui famiglie, professionisti, studenti, impiegati giovani e meno giovani, dismettono i panni di una giornata routinaria, per trascorrere alcune ore di relax in un ambiente caldo e confortevole. È il ritrovo ideale per coloro che si vogliono avvicinare alla tradizione irlandese e sentirsene parte integrante.

Ingresso libero

Venerdì 18 aprile, per la rassegna di live music “The Joy’s Residents“, il Joy’s Pub presenta Luca Loizzi in concerto (corso Sonnino 118/D – ore 21,45 – ingresso libero). Il cantautore pugliese si esibirà accompagnandosi con la sua chitarra e un ensemble composto da Angelo Verbena al contrabbasso, Dino Massaro alla batteria e Nik Seccia alle chitarre.  locandina luca loizzi

Luca Loizzi cantautore pugliese, dopo lunghi anni vissuti a Milano come professore di lettere, torna a Bari e nel 2012 e pubblica con la Tarock Records ed il sostegno di Puglia Sounds l’album “Luca Loizzi” riscontrando un grande successo di critica e pubblico nazionale e ottenendo ottime recensioni dai magazine più autorevoli. La sua musica è un melting-pot di folk, swing e tradizione manouche e la sua lingua sarcastica e provocatoria gioca sempre con citazioni colte, espressioni gergali e ricercati non-sense. Il repertorio live comprende oltre agli inediti swing e folk tratti dal disco “Luca Loizzi”, alcuni classici del cantautorato italiano e francese (Dalla, Iannacci, De Andrè, Brassens, ecc…) riletti in chiave “folk and roll“.

Link al sito ufficiale di Luca Loizzi: www.lucaloizzi.com/

Tra i prossimi appuntamenti del Joy’s Pub spicca, domenica 27 aprile, la prima serata di “Note Autorevoli“, il primo progetto barese interamente dedicato alla promozione e alla crescita dei cantautori, ideato in collaborazione con Radio Sound City.

 

Continua sabato 12 aprile alle ore 20,00 il laboratorio “TI RACCONTO UNA STORIA”. In questo incontro l’associazione APS LibroLab propone … “L’incredibile bimbo mangialibri” di Oliver Jeffers. Il piccolo protagonista scopre che i libri non sono (o perlomeno non devono essere) un mezzo per effettuare una scalata sociale, uno status symbol, un oggetto di potere, e che la lettura non è (soltanto) studio ed erudizione, ma soprattutto gioia, piacere, divertimento. l'incredibile bimbo mangia libri joy's pub

Al racconto seguirà il laboratorio creativo dedicato ai bambini, quindi …via i vestiti della domenica, meglio un abbigliamento casual

Un piacevole momento di scambio e condivisione per i bambini, un piacevole momento per tutta la famiglia.
Come sempre, assidui e coinvolti sono i bambini che prendono parte al laboratorio e contenti i genitori che possono finalmente godersi un pò di sano relax al pub, in ricordo dei bei tempi!

Non mancate!!!!
Ingresso libero

Info: 0805542854

Venerdì 11 aprile alle ore 21,45 un appuntamento con il grande rock di Pia Tuccitto ospite della rassegna live Sessions del Joy’s Pub di Bari. 
Pia, nata ad Arezzo, ma residente a Bologna, è una cantautrice rock, un talento unico nel suo genere. Si laurea al DAMS con la tesi Il Rock al femminile, nel 1993 debutta al Festival per Voci Nuove di Castrocaro, non vince ma entra nella scuderia di Vasco Rossipia tuccitto-La-Rocker

Come autrice scrive per Patty Pravo (2000) e per Irene Grandi (2003) entrambe prodotte da Vasco, con il quale ha condiviso il palco in importanti occasioni come tre edizioni dell’ Heineken Jammin’ Festival (2000 -2005-2008), al Rock R’evolution di Zocca, e come sua supporter in tour per 8 anni . Il debutto discografico è nel 2001 con Ciao Amore, un singolo prodotto da Pia per l’ etichetta Bollicine di Vasco Rossi, al quale fa seguito un secondo singolo nel 2003, Quella Vispa di Teresa. In questo periodo dall’incontro con un fan di Vasco, Nicola Garbelli, “Lo Spericolato” nasce il soprannome di Pia, “La Rocker”.

L’anno seguente tra le canzoni di Pia, Vasco sceglie E … la fa sua, portandola al successo del grande pubblico al quale era destinata. Finalmente il 17 Giugno 2005 esce l’album d’esordio UN SEGRETO CHE…, il video del singolo omonimo, varca l’oceano e viene trasmesso in molte televisioni del Canada, Germania e Svizzera. Nel 2008 esce l’album URLO, prodotto da Frank Nemola e Guido Elmi per l’etichetta Bollicine/EMI Capitol Music. Il 21 giugno 2009 Pia partecipa all’evento Amiche per l’Abruzzo allo stadio San Siro di Milano, organizzato da Laura Pausini per il sostegno ai terremotati d’Abruzzo. Cantante e autrice sì, ma ARTISTA a trecentosessanta gradi perché ogni forma d’arte le appartiene. Dall’incontro con Philippe Daverio è nata un’amicizia e una collaborazione con il fratello Christophe che si è concretizzata in una serie di appuntamenti in cui arte e musica di intersecano come la Collezione Mutant Canvas di Nicola Artico in cui il ritratto mutante con Pia è ripreso dall’opera “Ecate” di William Blake. Dall’ 8 aprile al 12 giugno 2011 Pia fa parte del Progetto fotografico di Monica SilvaL’io dentro me” in mostra a Palazzo Picchi Sforza a Sansepolcro (AR). Nel maggio e ad ottobre del 2011 escono i due singoli da indipendente: Com’è bello il mio amore e Sto benissimo, quest’ultimo diventerà lo spunto e la colonna sonora de L’Italia di Piapia tuccitto

All’inizio del 2012 è stata creata un’APP, gratuita, realizzata da DMI Digital Media Industries, con la quale si entra nel mondo di Pia. In maggio Il fotografo Giuseppe Porisini la immortala al Museo Internazionale della musica di Bologna, per la prima volta diventato set fotografico. Il progetto multimediale L’Italia di Pia, viaggio culturale durante il quale per ogni tappa vengono realizzati 3 momenti, una clip di un minuto circa, una gallery fotografica e un video del back stage, nato nel gennaio 2012 dopo 150 puntate, nell’agosto 2013, viene trasmesso da Red Ronnie che le riserva un canale televisivo su Roxy Bar. Nell’estate del 2013 la rocker entra a parte del progetto RockandFood, ideato da Livia Elena Laurentino e dedicato al connubio tra la musica e il cibo, che si è concretizzato in una serie di appuntamenti live.

Il 29 ottobre 2013 esce, in tutti gli store digitali, il nuovo singolo di Pia intitolato 7 Aprile. Il 1 Dicembre è ospite con la band del 8a puntata di Roxy Bar condotta da Red Ronnie, dove ha presentato il nuovo singolo e i brani più significativi della sua carriera. Il 3 Dicembre grazie alla collaborazione con DMI, Digital Media Industries, è uscita gratis la nuova APP di Pia Tuccitto per Android, dedicata al nuovo singolo 7 Aprile. Il 1 febbraio 4 canzoni di Pia faranno parte del Dizionario della Canzone di Dario Salvatori Il Salvatori 2014 – Il Dizionario della Canzone in vendita nelle migliori librerie italiane.

Il 4 marzo la rocker partecipa alla seconda edizione de La strada e la Stella, spettacolo organizzato al Teatro del Navile di Bologna, per ricordare Lucio Dalla.

Ingresso libero
Start ore 21,45

Venerdì 4 aprile 2014 alle ore 21,45 presso il Joy’s Pub di Bari, prosegue la rassegna Live Music THE JOY’S RESIDENTS, con il concerto dal titolo “Quelli della via gluck”Rino Iannone, cantante un pò allo sbaraglio ma non troppo, calca per la prima volta il palcoscenico del Joy’s Pub. rino iannone 1 Per lui “Il tempo si è fermato” e si cimenta in una serata fatta di piccole note dedicate ad Adriano Celentano. Per l’occasione sceglie di farsi accompagnare dal M° Rosario Le Piane con chitarra e percussioni.

Una serata musicale sicuramente fuori dai canoni proposti dal Joy’s Pub, ma con tanta voglia di divertirsi nel riascoltare brani che hanno fatto grande Adriano Celentano e sono storia della canzone italiana.

Breve biografia

RINO IANNONE, classe 1959, una vita sempre al servizio degli altri in varie tipologie di attività. Da qualche anno dedica il suo tempo alla disabilità entrando a fare parte della Onlus Vita Insieme. Da sempre si diverte a cantare con e per gli amici.

“E` l`ora d`inebriarsi! Per non esser schiavi martoriati del Tempo, inebriatevi, inebriatevi senza posa! Di vino, di poesia, o di virtù, a vostro talento”(Onofrio Iannone)

Ingresso libero

Info 0805542854

Venerdì 28 marzo alle ore 21,45 la rassegna live JOY’S RESIDENTS promossa dal Joy’s Pub presenta la band rock AMERICAN ENGLISH in concerto, un ponte musicale tra Inghilterra e U.S.A che ripercorre le più grandi hit della storia del pop-rock. I brani più belli e intensi degli ultimi 40 anni riarrangiati in chiave rok e in tonalità capaci di aprire l’abum dei ricordi di ciascuno di noi. american english prof.
Brani che è impossibile non conoscere, non cantare o non ballare.
Questo inossidabile classic trio si muove con disinvoltura tra le sonorità più morbide e ricche del rock inglese e le carismatiche leadership del cugino americano: da “Do you really want to hurt me” a “Purple rain”, da “Wonderwall” a “Like a rolling stone”, da “Is this love” a “Personal Jesus”, da “Tainted love” a “Shiny happy people”, in un caleidoscopio di canzoni solo apparentemente distanti tra loro.
Il filo rosso che colora la scaletta degli American English è la passione per il rock e il potenziale emotivo che questo esprime quando è ben suonato.
La formazione è composta da Antonio Tuzza (chitarra, voce), Alessandro Loprieno (basso, voce), Marco Lorusso (batteria, voce)

“Il nome della rassegna THE JOY’S RESIDENTS nasce da una idea condivisa di alcuni professionisti del panorama musicale barese e Marco Protano, gestore del Joy’s Pub, al fine di evidenziare la ferma volontà di condividere il locale come spazio artistico promotore di nuovi progetti musicali e non solo” 

Ingresso libero

Info 0805542854

This site is protected by WP-CopyRightPro